CHI SIAMO:

La Societa’ agricola L’Orto che fa la differenza nasce nel maggio del 2017 per conto di tre volontari dell’Associazione Al di la del mio naso c’e’,,, di Fara Gera d’Adda che decidono di portare avanti un progetto Agricolo che va oltre al semplice concetto di agricoltura.

In che modo?

Cercando di creare delle RETI di Economia Solidale, di creare dei movimenti sociali sottoforma di organizzazioni che interagiscono tra loro, sul territorio … col territorio per ridurre il più possibile l’isolamento sociale.

L’allungamento della filiera ha portato alla perdita di questa “connessione” per tanto il ripartire dai bisogni sociali, creare, lavorare e attraverso la “rete di economia solidale” arrivare a legare tutti quegli aspetti lavorativi che interagiscono con il processo produttivo fino ad arrivare alla distribuzione tenendo in considerazione soprattutto le difficoltà delle piccole realtà.

 

OBIETTIVO DEL PROGETTO

Si e’ deciso di recuperare un’area agricola di circa un ettaro ).. per migliorare l’attuale utilizzo ma soprattutto per creare un’attività’ che dia la possibilità a tutti di poter essere parte di un progetto lavorativo ma soprattutto di vita

La Societa’ Agricola si occuperà di sviluppare il progetto “Orto che fa la differenza” in collaborazione con la Cooperativa Sociale 1000 Note per Educare e l’Associazione di Volontariato Al di la del mio naso c’e’, tutte realtà presenti sul territorio e che lavorano in modo sin-ergetico alla realizzazione del Centro Artistico Poliedro.

Questo luogo diventerà un luogo della solidarietà perché si sperimenta che “il fare insieme” produce risultati, un luogo della bio-diversità vegetale della ricchezza dei colori e dei prodotti che seguono le stagioni dove si insegna attraverso il lavoro della terra il valore della diversità.

 

IN COSA CREDIAMO:

Siamo convinti che acquistare in un GAS assume un significato più ampio del semplice acquistare un prodotto, ha una vera e propria VALENZA SOCIALE ECONOMICA E POLITICA.

Chi condivide le scelte di un GAS impara a porsi delle domande al momento dell’acquisto di un prodotto, ne guarda la provenienza e valuta tutti gli aspetti legati al luogo alle persone che producono quel prodotto.

 Le persone IMPARANO ….si EDUCANO  a far si che il CIBO SIA UN SERVIZIO URBANO  e non un semplice oggetto acquistato e consumato.

Ogni membro si impegna volontariamente alla gestione degli ordini eliminando sicuramente i costi degli intermediari ma soprattutto PRE-OCCUPANDOSI  in prima persona degli aspetti eco-solidali sostenendo principalmente i produttori del territorio a KM0, ponendo attenzione al rispetto dell’ambiente e tenendo in considerazione l’aspetto sociale ed umano delle persone coinvolte nel processo produttivo

Chi partecipa ad un GAS vuole RI-CONNETTERE il legame tra ambiente circostante e le tradizioni agricole, le gastronomie locali e PRO-MUOVE il consumo di cibo sano prodotto in modo naturale rispettando la stagionalità .